Viaggio per i mercatini di Natale

Viaggio per i mercatini di Natale
© a-mblomma Pixabay

Con l’avvicinarsi del periodo natalizio, si è diffusa negli anni la tradizione dei mercatini di Natale: bancarelle di cibo, artigianato o altri prodotti tipicamente natalizi che vengono venduti sotto Natale. Il loro inizio avviene generalmente in concomitanza con la prima settimana dell’avvento e sono particolarmente diffusi nei paesi nordici dove il freddo e la neve sono di casa. L’aria natalizia viene perciò accentuata da illuminazioni, dolci tipici e bancarelle che si possono trovare in diverse zone della città. Famosissimi i mercatini in Germania, quale quello di Norimberga, ma sono anche celebri quello di Strasburgo, Praga e molti altri. Per chi avesse voglia di vacanza durante il freddo inverno, non c’è periodo migliore da sfruttare per ammirare una città addobbata a festa.

Ma quali sono i mercatini da non perdere? Viaggio per i mercatini di Natale

  1. Il mercatino di Merano: rimanendo in Italia, da vedere sono i mercatini di Natale a Merano che combinano la tradizione, la cultura, il benessere e sono adatti per grandi e piccini. Specialità altoatesine potranno essere assaporate e assolutamente da degustare il vin brulée. Inoltre, il mercatino di Natale di Merano aderisce all´iniziativa Green event, sostenendo così con l´intera organizzazione la tutela dell´ambiente.
  2. I mercatini a Stoccolma: A Stoccolma si potrà trovare l’artigianato lappone e da visitare sono senz’altro i mercatini nei parchi. Il più grande si trova nel parco di Skansen composto da 150 casette, quello più centrale è il Kungstradgarden (il giardino dei re), mentre quello più particolare si trova nei giardini reali di Rosendal sull’isola di Djurgarden: qui va in scena l’artigianato di alta qualità. Inoltre, prodotti biologici, pane appena sfornato e glogg sono solo alcune delle particolarità da aspettarsi durante la visita a questo mercatino.
  3. Mercatini di Natale in Finlandia: spostandosi al freddo e avvicinandosi alla terra di Babbo Natale, si arriva in Finlandia. Conosciuti sono sicuramente i mercatini della capitale finlandese, Helsinki, dove accanto alle classiche leccornie, prodotti locali e vestiti invernali, spiccano anche fiere consacrate alle opere di bene con la vendita di oggetti fatti a mano dalle donne e gli anziani della città per la Fiera Natalizia delle donne. Proseguendo in Finlandia, si giunge a Rovaniemi, la città di Babbo Natale, ancora più particolare a Natale. Consigliato se si vuole immergersi nel mondo fantastico di renne, elfi, slitte e incontrare magari Babbo Natale.
  4. Il mercatino di Oslo: dalla terra degli elfi a quella dei troll. Anche in Novergia, a Oslo, si può respirare l’aria natalizia e riscaldarsi con un buon glogg, girovagando tra i vari stand. Da non perdere l’accensione dell’albero di Natale in Youngstorget square, accompagnato da canti natalizi e degustazione di pietanze scandinave.
  5. Il mercatino di Praga: ora ci dirigiamo ad est, verso la splendida Praga. La città diventa ancora più bella se innevata e la magia natalizia è percepibile in ogni luogo. Tipici della zona sono i cristalli di Boemia, facilmente visibili nelle bancarelle.
  6. I mercatini di Vienna: da Praga a Vienna il passo è breve e quale migliore occasione che godersi la città imperiale sotto Natale? Il Wiener Christkindlmark si tiene da ben 700 anni e anche qui è possibile trovare prodotti tipici e delizie culinarie, quali il panpepato. Non mancano altri mercatini più moderni, come il Weihnachtsdorf intorno alla statua dell’imperatrice Maria Teresa. Da provare il pattinaggio sul ghiaccio.
  7. Il mercatino di Norimberga: uno dei mercatini più antichi della Germania è quello di Norimberga, che sarebbe anche uno tra i primi mercatini ad essere stato svolto. Anche qui si trovano i classici stand di artigianato locale e di delizie, tra cui gli “Omini di prugne di Norimberga”, delle piccole figure fatte con le prugne.
Mercatini di Natale
© stux Pixabay
  1. Il mercatino di Strasburgo: anche quello di Strasburgo è uno dei più antichi mercatini natalizi e uno dei più suggestivi con le luci che colorano tutta la città, dando vita al “sentiero della luce”, che giunge fino alla cattedrale. Inoltre, nella città alsaziana si potranno ascoltare numerosi concerti natalizi e godersi la città in una veste inusuale.
  2. I mercatini di Natale a New York: la tradizione natalizia è forte anche nella Grande Mela che apre la stagione con l’accensione del grande albero di Natale davanti al Rockefeller Center. Numerose bancarelle si trovano anche a Bryant Park, scenario affascinante per la pista di pattinaggio che viene aperta ogni anno. La stazione principale, Grand Central, ospita a sua volta un’importante mercatino al coperto che rende ancora più trafficato lo snodo ferroviario. Non mancano i mercatini neanche al di fuori di Manhattan: ogni quartiere, da Brooklyn a Staten Island ha il suo angolo dedicato al Natale.
  3. Mercatini in Australia: totalmente differente è il Natale in Australia. Dato il caldo, il Natale viene associato a immagini insolite, come ad esempio canguri e koala addobbati a festa o Babbo Natale sulla tavola da surf. Non vi sono i classici mercatini, ma illuminazioni e decorazioni in tema non mancano né a Sidney né a Melbourne. Consigliata l’Australia per chi voglia godersi un Natale diverso, senza mercatini e soprattutto lontani dal freddo!

Per chi volesse saperne di più sui tanti altri mercatini sparsi in giro per il mondo, si consiglia di visitare la pagina ufficiale dei mercatini di Natale.

Altre informazioni sul tema natalizio, si trovano nell’articolo “Le bevande natalizie”.

(Visited 150 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.