Die kleine Raupe Nimmersatt

Die Kleine Raupe Nimmersatt
© OpenClipartVectors Pixabay

Leggere favole è una parte da non trascurare per la crescita del bambino, dato che si invoglia il pargolo sin da piccolo a leggere, ma si infondono già alcuni valori attraverso dei libri educativi. Inoltre, si comincia a prendere, anche grazie ai libri, coscienza del mondo, e non di rado il bambino apprende leggendo i colori, i nomi degli animali, i loro versi, ecc. 

Tra i libri illustrativi per bambini rientra a tutti gli effetti “Die kleine Raupe Nimmersatt”, scritto dall’americano Eric Carles e il cui titolo originale è “The very hungry caterpillar”. Read more

Le fiabe di Charles Perrault

Le fiabe di Charles Perrault
© Larisa-K Pixabay

Le fiabe di Charles Perrault sono conosciute in tutte il mondo: tra queste Cappuccetto Rosso, La bella addormentata nel bosco, Pollicino e tante altre. Per dar vita alle sue fiabe, Perrault si è rifatto alle storie popolari e successivamente i suoi racconti sono stati ripresi nel XIX secolo dai fratelli Grimm. Read more

10 consigli per imparare una lingua straniera

10 consigli per imparare una lingua straniera
© Geralt Pixabay

10 consigli per imparare una lingua straniera: modi da intraprendere per migliorare la conoscenza di una lingua, divertendosi e scegliendo il metodo più appropriato per ciascuno.

Si sa che imparare una lingua straniera è sì divertente e stimolante, ma non per questo facile e poco frustrante. Non esistono metodi universali per padroneggiare in breve tempo una lingua e il processo è altamente soggettivo. Eppure agevolare il processo di apprendimento e evitare le classiche frustrazioni è possibile: basta seguire alcuni consigli e l’apprendimento avrà inizio.

10 consigli per imparare una lingua straniera

Read more

Paese che vai, detto che trovi

Paese che vai, detto che trovi
© Pixabay

Ci sono molti detti italiani che non hanno un vero e proprio corrispondente in altre lingue, che spesso sono tradotti diversamente o che non sono così usati come lo sono da noi. Questo dipende ovviamente dalle usanze e dalle differenze culturali tra i paesi. Generalmente i detti sono qualcosa di cui si è letto o è stato riportato da altri, che non possono essere tradotti letteralmente e il cui significato è figurativo. Le parole che lo compongono nascondono in realtà un significato più profondo di quanto emerga in superficie. Ci sono così tanti detti che è difficile conoscerli tutti e se in più bisogna esserne a conoscenza anche in una lingua straniera, la cosa si complica ulteriormente. Tuttavia, attraverso i detti si riesce a comprendere in maniera diversa un’altra cultura e si apprezzano altri lati, linguistici e non, della cultura presa in considerazione.

Read more

Breve considerazione sull’intraducibilità linguistica

Lingue e culture differenti producono suoni e parole differenti. Ogni lingua ha delle strutture e dei concetti che difficilmente possono essere resi con lo stesso significato e con la stessa intensità in un’ altra lingua. Quando questo accade, bisogna gettare la spugna e arrendersi di fronte all’inevitabile: non esiste uno stesso termine equivalente che rappresenta pienamente quel concetto. Quella parola è strettamente legata alla lingua e cultura originaria e per renderla in un’altra lingua si dovrà ricorrere a una trasposizione, magari fatta da più frasi e che potrà anche sembrare insoddisfacente allo sventurato traduttore. D’altronde è ormai noto che non tutte le parole sono traducibili e la loro bellezza viene spesso persa nella traduzione.

Breve considerazione sull'intraducibilità linguistica
© Geralt Pixabay

Purtroppo, anche nella vita di tutti giorni è facile perdersi nell’intraducibilità. A chi non è capitato Read more