Star Wars il risveglio della forza

Star Wars il risveglio della forza
© Clovis_Cheminot Pixabay

 

Star Wars il risveglio della forza è il settimo episodio della saga creata da George Lucas, uscita al cinema per la prima volta nel 1977. Dopo la trilogia prequel terminata nel 2005, il 16 dicembre è ritornata sul grande schermo la saga di Star Wars con un nuovo episodio, diretto questa volta da J.J. Abrams, regista di serie tv di successo quali Lost, Alias e Fringe, ma anche di film di fama internazionale come Mission Impossible III.

Gli instancabili fan hanno trovato quest’anno un regalo sotto l’albero e si sono potuti godere il nuovo episodio Star Wars il risveglio della forza, in preparazione già dal 2012, quando la casa di produzione Lucafilm Ltd. è stata venduta alla Walt Disney Company. Tra cambi di regia, lunghi casting e riprese, il film ha visto finalmente la luce e con la premiere del 14 dicembre 2015 a Los Angeles è stato ufficialmente reso pubblico. Inutile dire che sin da subito si è parlato di incassi stellari, dato l’elevato numero di persone che hanno affollato le sale dei cinema di tutto il mondo. E’ possibile leggere delle stime sugli incassi dell’episodio VII di Star Wars nell’articolo della Repubblica.

Star Wars il risveglio della forza – La trama

Il nuovo capitolo riprende la narrazione 30 anni dopo la conclusione di Star Wars il ritorno dello Jedi del 1983. Star Wars il risveglio della forza ruota intorno alla ricerca dello scomparso Luke Skywalker. Sulle sue tracce sono la Resistenza, comandata dalla principessa Leia, e il losco Primo Ordine che è pronto a tutto pur di ritrovarlo e annientarlo. Accanto ai personaggi di sempre come Han Solo, Chewbacca e il droide R2-D2, l’intreccio si arricchisce di nuovi protagonisti: Finn, un combattente pentito del Primo Ordine, un cosiddetto stormtrooper; Rey, una mercante di rottami sul pianeta di Jakku che scoprirà di avere la forza dalla sua parte; Poe, pilota della Resistenza, e il suo droide BB-8, che ha le informazioni per ritrovare Luke Skywalker. L’impresa della Resistenza è osteggiata in tutti modi dal Primo Ordine, comandato da Kylo Ren, nipote di Darth Vader, passato al lato oscuro. Su questa scia riprende la saga che trasmessa in 3D dà proprio l’impressione di trovarsi nello spazio a vivere da vicino le sorti della Galassia.

Riproponendo gli elementi tipici introdotti da Lucas, J.J. Abrams ha sfornato un nuovo successo. Il film è coinvolgente grazie agli effetti speciali utilizzati e soprattutto grazie all’impiego della tecnologia 3D, mentre la trama poco originale, risulta però vincente per via dell’introduzione delle classiche caratteristiche legate al mondo di Star Wars. I personaggi di sempre sono un forte richiamo per i fan storici che assistono nuovamente allo scontro tra il bene e il male, anche se non si tratta più della guerra tra gli jedi e i sith. Forse non allontanandosi troppo dalla storia originale, si è voluta mantenere l’autenticità della saga e si è assicurata la buona riuscita del proseguimento della serie con questo nuovo episodio, temporalmente distante dal sesto, che aveva visto la sconfitta di Darth Vader con il ristabilimento, almeno temporaneo, della pace nella galassia.

Star Wars il risveglio della forza – Primo capitolo di una nuova trilogia

La Galassia
© Geralt Pixabay

Con l’acquisto della casa di produzione da parte della Walt Disney Company, sono stati anche comprati i diritti per la produzione di una nuova trilogia, il sequel della tripletta originale. A questo si aggiungeranno altri due film, in uscita rispettivamente nel 2017 e nel 2019. Anche per l’episodio VIII J.J. Abrams rimarrà il produttore esecutivo, ma cederà la regia a Rian Johnson, mentre l’ultimo film sarà diretto da Colin Trevorrow. Il ritorno di nuovi e vecchi personaggi è stato già confermato e sicuramente non si faranno attendere altre indiscrezioni. Per scoprire come si evolveranno i prossimi capitoli, si consiglia di visitare periodicamente il sito della saga di Star Wars in italiano, Guerrestellari.net.

Inoltre, non c’è da stupirsi se dato l’enorme successo della saga, verrà contemporaneamente creata una trilogia spin-off, ad integrazione delle storie ufficiali di Star Wars e che ne costituiscono un’antologia, prendendo appunto il nome di Star Wars Anthology. In questo modo ogni anno ci sarà un nuovo film legato al mondo di Star Wars e la storia rimarrà sempre viva…con questi presupposti sarà impossibile dimenticarsi della saga!

Prima di Star Wars il risveglio della forza: piccolo excursus sulla saga

Il film da poco uscito è solo il settimo episodio di una lunga saga, iniziata in realtà nel 1977. Di seguito i film nel loro ordine di produzione:

  • Guerre Stellari del 1977;
  • L’impero colpisce ancora del 1980;
  • Il ritorno dello Jedi del 1983;
  • Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma del 1999;
  • Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni del 2002;
  • Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith del 2005.

I primi tre film rappresentano il nucleo principale della saga: con questi è iniziato tutto e si supponeva si sarebbe concluso tutto. Più tardi negli anni 2000, si è realizzata la trilogia prequel dove sono state narrate le vicende antecedenti ai fatti della prima trilogia, quindi gli avvenimenti pre Luke Skywalker & company. Con l’inizio della nuova trilogia, si è invece dato l’avvio al sequel della saga e verranno narrati i fatti post distruzione di Darth Vader. Per saperne di più sulla trama di ogni film e informarsi maggiormente, si consiglia di consultare la pagina apposita di Wikipedia sulla creazione della saga di Star Wars.

Star Wars il risveglio della forza – La critica

Star Wars il risveglio della forza -Stormtrooper
© Aitoff Pixabay

L’attesa è stata tanta per questo nuovo film ed è stata ampiamente ripagata, dato che Star Wars il risveglio della forza è stato accolto per lo più positivamente dalla critica. Ad essere lodato è stato il regista J.J. Abrams, apprezzato per il suo lavoro, anche se è stato riconosciuto che il film non è completamente innovativo e sembrerebbe essere un remake del quarto episodio. Anche il 3D ha aiutato a valorizzare il film, il primo della saga a utilizzare questa tecnologia. Basandosi sugli elementi classici della saga, il nuovo film risulta godibile e pieno di scene avventurose, in sintesi un vero e proprio film d’intrattenimento. A convincere meno è il nuovo cattivo, non certo all’altezza del predecessore Darth Vader, seppur umanizzato, dato i conflitti interiori a cui è sottoposto. Purtroppo, la strada per diventare un big bad a tutto tondo è però lontana.

Negativa invece è stata la reazione di George Lucas sul nuovo episodio: ha sostenuto che è stato girato un film retrò, lontano dai suoi gusti e che è come se avesse venduto i suoi film “agli schiavi bianchi”, riferendosi con questa frase alla produzione di Walt Disney. Inutile dire che questa notizia è stata nel giro di poco tempo riportata su tutti i giornali e data la bolla sollevata, è seguita in breve una rettifica da parte di Lucas, che si è dichiarato infine soddisfatto del successo raccolto dal nuovo film.

Giudizi personali, recensioni e molto altro sono rintracciabili in rete, e ben scritto risulta il commento su Star Wars pubblicato su Wired, ovviamente privo di spoiler.

Star Wars il risveglio della forza – I luoghi (possibili piccoli spoiler)

Affascinanti risultano anche i luoghi di Star Wars il risveglio della forza: chi è rimasto fino ai titoli di testa, avrà certamente letto che il film è stato girato ad Abu Dhabi, in Irlanda, in Inghilterra e in Islanda. La scelta dei luoghi non è stata sicuramente casuale ed è stata saggiamente ponderata, proprio per amalgamarsi al meglio con l’intreccio del film. Da ricordare e che vi lasceranno a bocca aperta sono le seguenti locations:

  • L’isola di Skelling in Irlanda: nel film è il rifugio di Luke Skywalker, nella realtà è patrimonio dell’Unesco per la sua natura selvaggia e la presenza di un monastero del VI secolo. Perfetta come luogo misterioso e di rifugio di Luke Skywalker. Si trova a 17 km dalla costa del Kerry nell’Irlanda occidentale.
  • Il lago Myvatn e il vulcano Krafla: il primo fa parte delle scene invernali del film, il secondo viene sorvolato dalle navicelle spaziali. I bellissimi paesaggi islandesi calzano a pennello con il resto dei luoghi sperduti, immensi e incontaminati che si possono ammirare nel film.
  • Il deserto di Rub’ al-Khali: il deserto è il secondo più grande al mondo e si estende per tutta la penisola arabica. Le riprese sono state fatte vicino ad Abu Dhabi e questo luogo è stato immortalato diverse volte nella pellicola.
  • I luoghi in Inghilterra: alcune scene sono state girate in Inghilterra. In particolare sono state riprese la foresta di Dean nella contea di Gloucestershire, il Lake District è stato scelto come sfondo di numerose battaglie in Star Wars il risveglio della forza e il Greenham Common, una base militare abbandonata, che diventa la sede dei ribelli nel film.
Lake District
© Bruce777 Pixabay

Concludendo, Star Wars il risveglio della Forza è un film che piacerà a chi ha visto gli altri, ma anche a chi si vuole avvicinare alla saga. Grazie al 3D, alla scenografia e ai tratti di azione, la storia è puro intrattenimento e farà trascorrere un paio di piacevoli ore agli spettatori. Malgrado non brilli per originalità e innovazione, la regia magistrale di J.J. Abrams rende comunque il film apprezzabile e appunto da vedere.

(Visited 147 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.