Quando i diritti d’autore scadono…

Quando i diritti d'autore scadono
© tookapic Pixabay

Quando i diritti d’autore scadono le opere del fu artista diventano di dominio pubblico e possono essere consultate e distribuite senza timore di incorrere in sanzioni. La legge sul copyright non protegge più queste opere e non si infrange alcun regolamento se un libro ad esempio è facilmente reperibile su internet.

La scadenza dei diritti d’autore si ha dopo 70 anni dalla morte dell’autore. Nel caso di testi o qualsiasi voglia opera artistica prodotte da più menti, bisognerà aspettare i 70 anni dalla morte dell’artista decesso per ultimo. Scaduto questo termine, l’opera diventa libera al primo gennaio dell’anno successivo.

Sono da vedere come casi particolari i libri tradotti: infatti, la traduzione di un’opera diventerà pubblica alla scadenza dei 70 anni della morte del traduttore e non prima. Può quindi succedere che ad essere accessibile è il testo originale nella sua lingua madre, ma non le versioni tradotte negli altri paesi. Questo perché il lavoro del traduttore deve giustamente essere annoverato come un contribuito creativo, che va protetto. Si sa infatti che malgrado si cerchi di restare il più possibile fedeli all’opera originale, il risultato sarà comunque frutto anche del traduttore che avrà rimaneggiato il testo e trasposto in un’altra lingua secondo le convenzioni specifiche della lingua di arrivo.

Ma cosa succede quando a scadere sono dei diritti d’autore “particolari”?

Quest’anno è stato reso pubblico il libro di Hitler, il “Mein Kampf”. Fino ad ora i diritti erano stati detenuti dallo stato del Bayer, ultimo luogo di residenza del dittatore. Le pubblicazioni del libro scomodo sono sempre state impedite. Ora però cambia tutto ed è già pronta per uscire in libreria il 15 gennaio una versione commentata del libro. Si teme che le idee folli che vi sono contenute potranno dare adito allo scatenarsi di reazioni razziste. La pubblicazione avverrà appunto con i commenti, in modo da poter spiegare il fenomeno e come quanto vi sia scritto sia errato, tutto dal punto di vista scientifico o meglio storico. Si vocifera che il testo entrerà a far parte dei programmi di scuola in Germania e che si cercherà di spiegare il nazismo agli alunni così da evitare il ripetersi degli eventi. Quindi il libro di Hitler servirà come da monito per quanto è successo e tenterà di spiegare perché quanto scritto sia da considerarsi errato. Certo, il rischio di strumentalizzazioni e di interpretazioni errate rimane comunque alto. Per saperne di più in proposito, si consiglia di leggere la notizia dell’ansa circa la scadenza dei diritti d’autore del Mein Kampf.

Quando scadono anche degli altri diritti d’autore…

Quasi a voler contrastare la diffusione del Mein Kampf, è stata resa nota la notizia che anche il Diario di Anna Frank venisse reso a disposizione del pubblico liberamente. Peccato però, che malgrado siano trascorsi i 70 anni dalla morte dell’autrice, non sono passati i 70 anni dalla morte del padre, deceduto nel 1980, che aveva integrato il libro con delle sue considerazioni e quindi ne era divenuto co-autore. Ovviamente si voleva rendere pubblica la versione originale in olandese e non le sue traduzioni, dato le considerazioni esposte sopra. Alla luce di quanto emerso sopra, l’opera di Anna Frank potrà essere libera a partire dal 2050, come è possibile leggere nell’articolo del Post circa la diatriba sulla scadenza dei diritti d’autore del Diario di Anna Frank.

E’ vero che le leggi vanno rispettate, ma forse non si sarebbe potuta fare un’eccezione per questi due casi particolari? Con la pubblicazione libera del libro di Hitler si rischia che le sue idee diventino maggiormente di dominio pubblico e vengano osannate da qualche simpatizzante. Pubblicando il libro di Anna Frank liberamente si sarebbe potuto contrastare questo fenomeno e osteggiare implicitamente la pubblicazione scomoda del Mein Kampf. Si spera che ipotizzando gli scenari peggiori, questi non si realizzino e resteranno solo delle polemiche, delle ipotesi e delle paure.

 

 

(Visited 189 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.