Amore, cucina e curry

Amore, cucina e curry
© Pixabay

L’ultimo  film di Lasse Hallström, regista di “Chocolat”, è stato tradotto in italiano come “Amore, cucina e curry”: i tre elementi principali che riassumono già dal titolo la trama del film. Diverse forme di amore sono rappresentate: l’amore familiare, l’amore per la cucina e l’inizio di un amore tra due persone di culture differenti. La cucina e il curry sono alla base della storia che è incentrata su una famiglia indiana, trasferitasi in Francia, dove apre un ristorante indiano, la cui spezia più conosciuta è il curry.

La famiglia Kabam dovrà affrontare non poche difficoltà insediandosi in una piccola cittadina francese, Saint-Antonin-Noble-Val, dove non saranno subito visti di buon occhio. La mentalità ristretta di provincia emerge sin dall’inizio e la paura per l’innovazione e la diversità è forte. Il tutto viene accentuato dalla proprietaria del ristorante di fronte, Madame Mallory, che osteggerà in ogni modo i nuovi arrivati. Si scopre ben presto che il comportamento poco amichevole di Madame Mallory è dettato dalla paura di poter perdere clienti, oltre che dalla preoccupazione della vicinanza ad un simile ristorante, dalla cucina più popolare rispetto ai suoi cibi francesi di alta qualità. Tra i membri della famiglia indiana, il giovane Hassan è colui che ha ereditato il talento culinario della madre e che presto si farà notare. Con il tempo i rapporti tra i proprietari dei due ristoranti cambieranno, tanto da diventare amici e da remare insieme per raggiungere un obiettivo comune: far ottenere la seconda stella Michelin al ristorante di Madame Mallory. La conquista gioverà non solo a Madame Mallory, ma anche ad Hassan che si affermerà come grande chef. Ma si sa che i soldi e la fama non sono tutto e ben presto Hassan da Parigi, dove l’aveva portato il suo lavoro, ritornerà nella cittadina per ricongiungersi con Marguerite, giovane chef che l’aveva aiutato a scoprire la cucina francese.

Il regista ha proposto ancora una volta un film particolare, dove si racconta di un viaggio familiare e di come le vite di persone dalle culture differenti si intreccino, dimostrando come la diversità non sia un ostacolo, ma possa trasformarsi in un punto di forza. Guardando il film si intraprende anche un viaggio tra le specialità francesi e la cucina indiana, esaltandone le caratteristiche e incorniciando il tutto con una storia d’amore. Tutti gli elementi presentati rendono il film delicato, impegnato, ma allo stesso tempo leggero e soprattutto sfizioso!

 

(Visited 144 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.