10 consigli per imparare una lingua straniera

10 consigli per imparare una lingua straniera
© Geralt Pixabay

10 consigli per imparare una lingua straniera: modi da intraprendere per migliorare la conoscenza di una lingua, divertendosi e scegliendo il metodo più appropriato per ciascuno.

Si sa che imparare una lingua straniera è sì divertente e stimolante, ma non per questo facile e poco frustrante. Non esistono metodi universali per padroneggiare in breve tempo una lingua e il processo è altamente soggettivo. Eppure agevolare il processo di apprendimento e evitare le classiche frustrazioni è possibile: basta seguire alcuni consigli e l’apprendimento avrà inizio.

10 consigli per imparare una lingua straniera

  1. frequentare corsi: è banale, ma il modo più utilizzato e quello da cui si è soliti iniziare, è quello di iscriversi a un corso. Se non si ha alcuna base nella lingua prescelta, non è sbagliato prendere in mano libri e quaderno e ritornare sui banchi di scuola. Si verrà così guidati nell’apprendimento e si comincerà un percorso formativo misurato sulla persona o su un gruppo. In base alle competenze del singolo o del gruppo, verrà calibrata la lezione e gradualmente si inculcheranno gli insegnamenti necessari. Nel corso del tempo verranno trattati tutti gli ambiti della lingua, grammatica, lessico, pronuncia, rispettivamente al livello preso in considerazione. La frequentazione di un corso di lingua rappresenta per alcuni un buon inizio per approcciarsi alla lingua e maturare la propria motivazione, avendo un impegno fisso da dover mantenere ed essere sicuri di dedicare un tot di tempo a settimana per l’apprendimento di una lingua.
  1. fare qualcosa che vi piace in quella lingua: dopo aver rotto il ghiaccio e aver raggiunto già un certo livello, la mera frequentazione di corsi può diventare noiosa e non soddisfacente ai più. Si decide di abbandonare il corso, ma così facendo si rischia di dimenticare ciò che si è imparato, specialmente se la lingua non viene più praticata. Per ovviare a questo inconveniente, è bene fare qualcosa che vi piaccia in quella lingua. A seconda dei vostri interessi, potete trovare un hobby che è possibile coltivare in una lingua straniera o semplicemente potete sì iscrivervi a un corso, ma questa volta non dovrà essere finalizzato all’apprendimento della lingua, ma essere in lingua. Adorate il computer? Allora fate un corso di informatica nella lingua prescelta! Cercate di informarvi su ciò che vi piace di più in una lingua straniera. Se vi trovate nel luogo in cui la lingua viene parlata, non sarà difficile poter frequentare un corso apposito; in caso contrario, si dovranno sfruttare le infinite risorse del web.
  1. leggere i giornali: per ampliare il proprio lessico e allo stesso tempo tenersi aggiornati, saperne di più sulla cultura e politica estera, è bene leggere i giornali nella lingua straniera che si sta imparando. E’ possibile dedicarsi a questa attività grazie ad un approccio comparativo: informatevi sulle principali news del vostro paese e andate a ricercare la stessa notizia in un famoso giornale del paese straniero. In questo modo saprete già di cosa si parla e non sarà difficile capire il senso dell’articolo. Dopo una lettura approssimativa, ci si può dedicare alla ricerca delle parole sconosciute per capirne il significato generico, ma soprattutto quello contestuale. Questa attività richiede sicuramente del tempo, ma è consigliata a chi ama la lettura. Inoltre, non serve leggere tremila articoli e passare delle ore a tradurre, per iniziare basta dedicare massimo un’ora al giorno a questa attività e con il tempo si riusciranno a coglierne i benefici.
  1. guardare i film: per gli amanti del cinema e della televisione, non c’è modo migliore di apprendimento che guardando un film nella sua lingua originale. Si potrà così conoscere maggiormente la cinematografia di un paese e allo stesso tempo si apprenderà in maniera più divertente una lingua. Grazie all’aiuto delle immagini sarà più facile capire di cosa si stia parlando e  si eserciterà una lingua straniera senza troppo sforzo. I sottotitoli possono agevolare nell’apprendimento, ma anche distrarre. Più utili sono i sottotitoli nella stessa lingua che si sta imparando, così da poter vedere come si scrive una parola e comprenderla meglio. Soprattutto all’inizio, per evitare feroci mal di testa, si consiglia di iniziare la visione con il proprio film preferito, in modo da poter lavorare anche qui per comparazione e capire più facilmente il senso generale.
  1. tandem partner: si sa che una lingua, oltre che letta e ascoltata, va anche e soprattutto parlata. Per questo, bisogna sfruttare ogni momento a disposizione per parlarla. Conversate in una lingua con il turista, con gli abitanti del posto, con i compagni di scuola o con il vostro migliore amico a sua volta alle prese con le gioie e dolori di una lingua straniera: ogni occasione deve essere sfruttata. In più, un ottimo metodo per imparare una lingua straniera è confrontarsi con i nativi e perciò risulta cruciale trovare un tandem partner reale o virtuale. Generalmente mentre voi state imparando la sua lingua, lui o lei sta imparando la vostra, e quindi l’interazione reciproca sarà altamente stimolante. Siete fuori da una classe e liberi di parlare tranquillamente di interessi comuni, desideri, lavoro, amore…si può imparare molto confrontandosi direttamente con un madrelingua, e non solo sul piano linguistico.
  1. esercitarsi quotidianamente: ciò che rende possibile progredire nel tempo in una lingua straniera è l’utilizzo che ne si fa di questa. E’ importante esercitare la lingua ogni giorno, in modo da mantenerla sempre viva ed evitare di dimenticarla. Allo stesso tempo sarà possibile acquistare sicurezza e pensare in una lingua straniera diventerà sempre più naturale. D’altronde se parlate ogni giorno la vostra lingua madre, cosa vi fa pensare che non dobbiate parlare ogni giorno anche in una lingua straniera? L’esercizio e la frequenza sono fattori che renderanno sempre più naturale esprimersi in una lingua straniera, in modo agile e senza sforzi.
  1. memorizzare le parole: per ampliare il proprio vocabolario e diventare un parlante avanzato, nonché colto, anche in una lingua straniera, si consiglia di scrivere glossari, appuntarsi parole sconosciute e rivederle di tanto in tanto. Così facendo allenerete la vostra memoria visiva, apprenderete nuove parole e saprete anche scriverle correttamente! Questo metodo è particolarmente consigliato all’inizio dell’apprendimento, quando si ha a disposizione un lessico limitato e occorre conoscere velocemente nuovi termini legati ai vari ambiti di una lingua. Nulla vieta di continuare con questo metodo, anche dopo aver raggiunto uno stadio avanzato della conoscenza di una lingua: non c’è niente di più bello che costruire qualcosa da sé e questo vale anche per l’arricchimento illimitato della vostra rubrica!
  1. sfruttare la rete: come sempre, anche la rete è un ottimo alleato per l’apprendimento di una lingua straniera. Esistono numerosi siti ben fatti che spiegano efficacemente la grammatica e propongono i relativi esercizi (e il più delle volte è tutto gratuito). Per chi non ha molti soldi da spendere, questo è sicuramente il metodo più comodo e pratico. Vi sono infinite risorse e infinite possibilità, bisogna solo trovare quelle giuste e cominciare con l’apprendimento!
  1. prefissarsi degli obiettivi: ovvero seguire un piano. Questo punto può essere estremamente utile per gli apprendisti fai da te. Loro stessi devono imporsi la disciplina e decidere autonomamente come procedere per imparare una lingua straniera. Organizzarsi bene, sapere dove si vuole arrivare, può essere utile per scegliere consapevolmente i metodi più efficaci da adottare e in quanto tempo si vogliano raggiungere gli obiettivi prefissati. Importante è rimanere sempre elastici e rivalutare di volta in volta il proprio piano. Partendo dalle proprie capacità, è bene fare una stima realistica di come si riuscirà ad avanzare in una lingua, senza però dimenticarsi che possono entrare in gioco molte altre variabili che renderanno lo studio di una lingua più ostico e servirà dell’altro tempo per raggiungere i propri obiettivi. Come accennato sopra, in casi simili, non bisogna perdersi d’animo e continuare a trovare sempre nuovi modi per apprendere una lingua straniera.
  1. motivazione: infine, per ultimo, ma il più importante di tutti i fattori, è la propria motivazione. Ciò che può fare la differenza nell’apprendimento di una lingua straniera è la motivazione che ci spinge a impararla. Solo una persona motivata, riuscirà a seguire vari metodi e trovare quello più adatto alle proprie esigenze. Solo alimentando la propria motivazione, si porterà sempre con sé quella voglia infinita di imparare e di procedere nell’apprendimento.
10 consigli per imparare una lingua straniera: motivazione
© McLac2000 Pixabay

 

Conclusione sui 10 consigli per imparare una lingua straniera

In questo articolo sono stati dati alcuni consigli e informazioni per apprendere una lingua straniera. I metodi illustrati sono combinabili e utilizzabili in diversi momenti. Non ne esiste uno più giusto o uno sbagliato: per apprendere una lingua straniera si parte il più delle volte da una riflessione su stessi e sul proprio modo di essere e questo è ciò che determina l’efficacia o meno di queste strategie. Per i più è un buon inizio frequentare dei corsi, altri preferiscono immergersi maggiormente in una lingua straniera e utilizzarla in altri campi e per altre attività più congeniali; chi ama la lettura o i film, potrà apprendere più velocemente leggendo i giornali o guardando dei film nella lingua prescelta; per migliorare le proprie capacità dialettiche, si può intraprendere uno scambio linguistico e culturale con un madrelingua che diventerà il tandem partner; altri riusciranno ad essere costanti e a dedicarsi all’esercizio quotidiano, altri ancora conteranno sulle infinite possibilità della rete. Ancora: memorizzando le parole attraverso dei glossari, si potrà migliorare in una lingua. Anche il prefissarsi dei traguardi può aiutare. Ma la molla più efficace che fa leva per apprendere una lingua straniera è la motivazione. In sua assenza non si inizierà neanche a studiare una lingua diversa dalla propria!

Per approfondire, si consiglia di consultare l’articolo di Indigo Magazine sull’apprendimento delle lingue straniere.

 

(Visited 173 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.